Il concorso del bindello per il Colfóndo

concorsoDa ormai troppi giorni sto pensando a come impostare il bindello per il prosecco sur lie sono persino arrivato a scrivere un post su vinix dove ho ricevuto moltissimi pareri e consigli.

Questo non mi basta!

Nasce quindi il concorso del bindello, qui di seguito tutte le info del caso.

1- Il bindello avrà le dimensioni di 4×6 cm, una sola facciata a disposizione. Non più di cinque o sei righe direi, cercate di rimanere attorno alle 50 parole

2-si dovrà fare in modo che il lettore si incuriosisca e vada al sito www.surlie.it che riporteremo alla fine del vostro scritto

3-Il concorso parte oggi e chiude il 15 marzo

4-Non esistono giudici ne controllori, il “pezzo”che mi piacerà di più sarà decretato vincitore

5-Il premio sarà composto da 6 bottiglie di Prosecco colfóndo

6-Per qualsiasi delucidazione in merito non esitate a contattarmi. info@belecasel.it  393-9993614  www.twitter.com/belecasel

Foto tratta dal blog. www.promessedautore.it
Tags:

Questo post non ha commenti

  1. Paolo Carlo on 4 marzo 2010 at 10:13 Rispondi

    Troverai le informazioni necessarie a consentirti il massimo apprezzamento di questo vino unico esclusivamente a questo indirizzo : http://www.surlie.it

    In tre lingue …

    Fuori le 6 bocce
    :-))))
    Ciao
    Paolo Carlo

  2. fabio on 4 marzo 2010 at 10:44 Rispondi

    Il sito Surlie.it mi da errore, non riesco ad aprirlo!

  3. Gianni Lovato on 4 marzo 2010 at 14:09 Rispondi

    Trattami gentilmente e
    con tenerezza.
    Sono un vino fatto all’antica.
    Vuoi scoprire come? Vieni a
    http://www.surlie.it

    (quando funzionerà)

    E adesso le 6 bocce son MIE!

  4. Luca on 4 marzo 2010 at 15:40 Rispondi

    Fabio devo ancora fare il redirect
    Avanti signori avanti ….. c’è ancora spazio per altre proposte 😀

  5. Pamela Guerra on 4 marzo 2010 at 15:59 Rispondi

    Si scrive suerlie, si pronuncia surlì … http://www.surlie.it

    oppure

    http://www.surlie.it…vieni a scoprirmi..

    Pam

  6. roberto on 4 marzo 2010 at 16:47 Rispondi

    Ciao, io sono un Sur Lie.
    vuoi vedermi il fondo?

  7. Filippo Ronco on 4 marzo 2010 at 17:16 Rispondi

    Potrei raccontarti questo vino a modo mio ma qualsiasi cosa dicessi sarebbe inevitabilmente autoreferenziale, credo. Ti chiedo solo di godermi in compagnia, tra amici veri, senza preoccuparti per quel colore un po’ opaco o per il fondo, che sono cose buone, volute, da me, da mio padre, dalla nostra terra. Luca.

    Web: http://www.surlie.it
    Twitter: http://twitter.com/belecasel

  8. Stefano Bambi on 4 marzo 2010 at 17:21 Rispondi

    Caro Luca,
    a mio parere la gente non ti deve dire cosa non ha capito. Per capire bisogna prima conoscere!!
    Il mio suggerimento per il bindello è il seguente:

    Non sono stanco
    e dal fondo salgo
    verso eccelse vette.
    E se mi terrai al tuo fianco
    capire tu potrai quanto io valgo.

    Ciao

  9. Elena Bardelli on 4 marzo 2010 at 17:49 Rispondi

    “sur lie…. il mio pregio arriva dal fondo”

    http://www.surlie.it

    Bele Casel, dal 19XX emozioni che arrivano in fondo al cuore.
    Luca Ferraro

    P.s.: si può partecipare una sola volta? 🙂
    P.p.s.: dare uno spunto per un’idea sarebbe già una buona cosa 😀

    ciao
    Elena

  10. Luca on 4 marzo 2010 at 20:03 Rispondi

    @roberto
    di sicuro vincerai il premio simpatia :))

    @ elena
    niente spunti, sarebbe troppo semplice

  11. Elena Bardelli on 4 marzo 2010 at 20:45 Rispondi

    @ Luca
    🙂 un’idea l’ho esposta, in modo vago… magari il consumatore viene incuriosito e visita il sito
    Magari avrò ispirazioni migliori 🙂

  12. Stefano Bambi on 5 marzo 2010 at 12:57 Rispondi

    Io sono un poeta e quindi mi esprimo in versi:

    Riscoprire nobili tradizioni,
    per cedere a nuove tentazioni!

  13. Cris Bambi on 6 marzo 2010 at 9:15 Rispondi

    Il metodo Sur lie (riposa sui suoi lieviti), produce il prosecco con posa che dona al vino una torbidità preziosa scatenando profumi intensi e aromi inconfondibili.

  14. Cris Bambi on 6 marzo 2010 at 9:26 Rispondi

    Riposo sui miei lieviti, mi cullo nella mia posa, ma se mi aprono “in acqua”scateno la mia preziosa unicità fatta di profumi e aromi
    Sur lie
    La Speziale
    simail2323@yahoo.it

  15. Stefano Caffarri on 6 marzo 2010 at 9:42 Rispondi

    “dammi le sei bottiglie o ti rompo un ginocchio”

    troppo diretto?

  16. Luca on 6 marzo 2010 at 9:50 Rispondi

    Siete fantastici.

  17. Jacopo Cossater on 6 marzo 2010 at 9:57 Rispondi

    Io, per esempio, ho scoperto solo adesso che si chiama bindello. 😉

  18. faithrich on 6 marzo 2010 at 11:36 Rispondi

    SUR LIE

    Scopri il mio segreto

    http://www.surlie.it

  19. Luca Feraro on 6 marzo 2010 at 17:10 Rispondi

    Fermento in bottiglia naturalmente, chiamarmi Surlie è vietato…assolutamente! Io sono il Prosecco con il fondo e sono esattamente come tu mi vuoi…

    ( beh insomma un pò slegata ma volevo dire la mia! 🙂 )

  20. paolo bianchi on 7 marzo 2010 at 11:01 Rispondi

    prosecco col fondo ??? surlive ?? come mai? cosa vorrà dire ??
    vieni a scoprilo su http://www.surlie.it/

  21. Stefano Bambi on 7 marzo 2010 at 15:09 Rispondi

    Sono pigro e sto sopra i miei fondi,
    ma se fermento scateno piaceri furibondi!!!

    Stefano Bambi

  22. Elena Bardelli on 8 marzo 2010 at 21:08 Rispondi

    “sur lie? Se non visiti il sito ti faccio il fondo”

    bah, troppo minatorio 🙂

  23. roberto on 9 marzo 2010 at 10:48 Rispondi

    Fatti prendere per il fondo !
    Bevi Sur Lie!

  24. Daniela (SenzaPanna) on 9 marzo 2010 at 11:49 Rispondi

    se posso influenzare l a giuria il migliore è quello di Caffarri, forse non ti farà vendere molto ma è fantastico!!!

    😀
    😉

  25. Andrea Bez. on 9 marzo 2010 at 12:27 Rispondi

    anche per me vena poetica:

    “guarda a questo fondo
    come ad un pezzo del mondo
    non buttarlo via
    farai il risotto piu’ buono che ci sia”

    la nostra sapienza parte da qui:
    http://www.surlie.it

  26. Patrizia on 9 marzo 2010 at 12:33 Rispondi

    dal fondo nasce la mia vera essenza ed il mio colore opaco è un pregio, ciao, mi chiamo surlie, vieni a scoprirmi qui http://www.surlie.it/

  27. roberto on 9 marzo 2010 at 12:41 Rispondi

    non farti prendere per i fondelli, scegli il fondo giusto!
    Sur Lie è quello che cerchi

  28. Lara on 9 marzo 2010 at 12:42 Rispondi

    in fondo in fondo c’è …..
    http://www.surlie.it/

  29. Daniela (SenzaPanna) on 9 marzo 2010 at 12:47 Rispondi

    “Tocchi il fondo e lievita la felicità”

    http://wwwsurlie.it
    info@belecasel.it
    http://www.twitter.com/belecasel
    393-9993614

    Dove ti mando l’IBAN?

    😀

  30. Daniela (SenzaPanna) on 9 marzo 2010 at 12:51 Rispondi

    oppure

    “Quando hai toccato il fondo lievita il benessere”

    o varianti.

    🙂

  31. sandro on 9 marzo 2010 at 13:18 Rispondi

    “melior de cinere surgo”

  32. neromarco on 9 marzo 2010 at 13:22 Rispondi

    Prosecco sur lie Belecasel: Fermento Naturale.
    http://www.surlie.it
    [sotto i loghi di tutti i social network in cui Belecasel è presente]

  33. Nina on 9 marzo 2010 at 13:25 Rispondi

    Sempre sul fondo giacciono i tesori.
    Come nell’oceano, così in questa bottiglia.
    Riposano, aspettano,
    e nel tempo sempre più preziosi.

    Il loro segreto, http://www.surlie.it.

    http://twitter.com/FrancescaNina

  34. Giuliano on 10 marzo 2010 at 19:11 Rispondi

    Non ci provo neanche, siete stati tutti bravissimi!

    Vorrei però darti un altro suggerimento: inserisci sul bindello un bel codice QR – http://it.wikipedia.org/wiki/Codice_QR – con tutto quello che vuoi; puoi farlo comodamente con questo generatore http://qrcode.kaywa.com/

    Pensa la comodità, con il telefonino inquadri il codice e ti appaiono tutte le caratteristiche del magico vino…molto 3.0 !

    Ciao

    Giuliano

    P.S. ok, questo suggerimento vale solo 1 bottiglia…magnum però! 🙂

  35. sandra on 11 marzo 2010 at 11:03 Rispondi

    Ma luca!! Questo sito SURLIE non funziona, e ora che si fa??
    Hai già chiuso il concorso??
    😉

  36. Stefano Bambi on 13 marzo 2010 at 2:04 Rispondi

    Cara Sandra, forse hai cliccato qualcosa di sbagliato. il sito Surlie funziona benissimo!!

  37. Luca on 13 marzo 2010 at 7:44 Rispondi

    il sito surlie.it è attivo da un paio di giorni, al momento reindireizza al nostro sito. Non appena troverò il tempo creerò una pagina ad hoc!

  38. Stefano Bambi on 13 marzo 2010 at 22:33 Rispondi

    Dato che ho deciso di voler aggiudicarmi le 6 bottiglie, ci riprovo ancora, così:

    Riposan sulle bucce
    i miei lieviti preziosi
    per esaltar profumi
    e piatti appetitosi.
    Non sono un’invenzione
    o moda passeggera,
    ma ritroviamo insieme
    la vera tradizione.

  39. Stefano Bambi on 14 marzo 2010 at 11:28 Rispondi

    Faccio una correzione a quanto scritto sopra:

    Riposan sulle bucce
    i miei lieviti preziosi
    per esaltar profumi
    e piatti appetitosi.
    Non moda passeggera
    o semplice invenzione,
    ma ritroviamo insieme
    la vera tradizione.

    La rima è migliore, baciata, più musicale!!

    Ciao a tutti

  40. Stefano Caffarri on 15 marzo 2010 at 15:44 Rispondi

    ecco il mio contributo:

    Quello che cercavamo era l’integrità del nostro vino, attraverso cui si potesse raccontare l’anima della terra come la viviamo noi: senza parole. Siamo ritornati all’origine, alle viti, all’uva: poi nulla da togliere e nulla da aggiungere. I lieviti naturali intorbidiscono il vino, lo riempiono dei caratteri di quel preciso fazzoletto di terra, uguali solo a se stessi. Irripetibili.
    Il deposito sul fondo della bottiglia è la testimonianza dell’integrità del vino: un condensato d’anima.
    Per saperne di più: http://www.surlie.it

  41. Filippo Ronco on 15 marzo 2010 at 16:56 Rispondi

    Eccolo.
    6 bottiglie andate.
    Ma è un piacere tenzonar con lei, vate.

    Fil.

  42. Daniela (SenzaPanna) on 15 marzo 2010 at 17:23 Rispondi

    bastava:

    “Il deposito sul fondo della bottiglia è la testimonianza dell’integrità del vino: un condensato d’anima.”

    che è splendido

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.