Diario: Dalla glera al Prosecco. Mese di Giugno

Giugno è stato per noi un mese abbastanza importante. Manifestazioni, imbottigliamenti e peronospora in vigna ma soprattutto caldo, tanto caldo.

1728b9acae6e11e1af7612313813f8e8_7

4 giugno, fioritura finita. Da questo momento gli acino continueranno ad ingrossarsi e a maturare.

ad528956af3811e188131231381b5c25_7

Lo stesso giorno la brutta sorpresa. Almeno una volta la settimana giro per tutti gli appezzamenti (7 vigne diverse) a controllare la situazione, il giro parte sempre dall’unica vigna in pianura che abbiamo (prosecco doc) per poi proseguire sulle vigne dell’Asolo prosecco docg. Beh, tracce di peronospora su foglia non fanno paura, quello che mi ha preoccupato sono stati i molteplici grappoli attaccati da questo maledetto fungo. Vi lascio immaginare cosa mi sia passato per la testa sapendo che quel vigneto è circa 1/10 di tutta la superficie. Se tutte le vigne fossero state attaccate in quel modo avremo perso parecchia produzione, e tutto a causa mia. Fortunatamente non è stato così, le vigne di collina erano “pulite” e belle come sempre. A parità di trattamenti la pianura che tendenzialmente è più umida ha dato dei problemi.

adb7de42afaf11e1a92a1231381b6f02_7

Il giorno successivo abbiamo cominciato a palizzare. Alzare i fili di ferro che contengono la vegetazione per tenere arieggiati i grappoli all’interno della chioma.

fbb6a01cafb211e18bb812313804a181_7

A volte si possono trovare belle sorprese lavorando immersi nella natura. Sappiate che questi piccoli esseri sono tanto belli quanto dannosi infatti sono molto ghiotti di germogli freschi.

92fec488afbb11e1b2fe1231380205bf_7Uova di merlo

c13e1e6aafe911e18cf91231380fd29b_7

Coccinelle

262763c2b21011e1be6a12313820455d_7

La sera e nelle ore calde della giornata non si sta in vigna e per non farsi mancare nulla abbiamo organizzato un evento sul Colfondo che abbiamo chiamato “colfondo e l’etica nel piatto”. Venerdì notte abbiamo finito di far degustare il nostro vino e il sabato mattina siamo partiti per la Spezia (il sabato sera) e successivamente Genova per Terroirvino la domenica e il lunedì.

50858dacb51611e19dc71231380fe523_7

Al nostro ritorno, il 13 giugno gli acini erano alla dimensione di grano di pepe

e996c99ab63111e18bb812313804a181_7

Niente concimazione chimica per le nostre vigne. Gli anni scorsi usavamo letame maturo, quest’anno dopo aver parlato con più persone abbiamo deciso di usare compost vegetale in parte autoprodotto e in parte acquistato. Preparato il cumulo per farlo maturare fino alla prossima primavera.

927201d8b63211e18bb812313804a181_7

Le pioggie ripetute hanno fatto crescere molto i tralci. Abbiamo deciso di cimare per evitare che i grappoli risentissero di ristagni di umidità dovuti a troppa vegetazione.

889f2852baab11e1be6a12313820455d_7

Si trincia l’erba

03f973fcbab311e1a39b1231381b7ba1_7

E in alcune vigne si sega col decespugliatore. Un gran brutto lavoro con le temperature di fine giugno.

1c635fd8babe11e1a8761231381b4856_7

Il risultato dopo 4 ore di questo maledetto lavoro è più o meno questo.

4e02d8dabf5911e188131231381b5c25_7

Le viti giovani inoltre vanno zappate, una ad una

1767d614c0f211e1ab011231381052c0_7

Con questi risultati

32aa549ec1b311e19894123138140d8c_7

29 giugno, gli acini continuano a crescere.

Tags:

Questo post non ha commenti

  1. armin on 3 luglio 2012 at 9:24 Rispondi

    vuol dire che nonostante la pressione da parte della peronospora quest’anno te la cavi discretamente anche con il solo rame?

    • Luca on 3 luglio 2012 at 11:24 Rispondi

      Definiamo la parola discretamente 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.