DOCG vs DOC Prosecco: Il Prosecco nel mondo del vino su JancisRobinson.com

Il Prosecco è uno dei vini più redditizi nel mondo. E questo può accendere gli animi.

Il Prosecco DOCG è coltivato nelle colline moreniche dei comuni di Conegliano, Valdobbiadene e Asolo. Il Prosecco DOC è coltivato nelle valli della provincia di Treviso. Questa settimana, due dei più influenti scrittori del mondo del vino – Master of Wine Richard Hemming e Walter Speller, entrambi scrivono per JancisRobinson.com – hanno definito il ruolo delle due categorie nel mondo del vino oggi. Vi consigliamo di leggere entrambi gli articoli

In questo articolo, Hemming lamenta la commercializzazione del Prosecco, includendo i modi in cui questo vino è stato inglobato in una vasta gamma di prodotti commerciali che non hanno niente a che vedere né col vino né col cibo.

“Cos’hanno in comune il burrocacao, sali da bagno, cioccolatini, candele profumate, bustine di té e marmellata?”

“Hanno tutti inglobato il Prosecco in un improbabile estensione di un prodotto” nota nell’articolo The bottom end of sparkling

“Una volta proclamato come l’alternativa preferibile al vecchio e noioso Champagne, tanto del Prosecco è stato scomposto in qualcosa di economico e insipido. Com’è quindi che il Prosecco è diventato la puttanella degli spumanti, prestando il suo nome per qualsiasi cosa che contenga liquidi?” Si interroga

E’ un pezzo davvero interessante, che traccia l’arco dell’ascesa del Prosecco nel mondo degli spumanti

Speller, d’altro canto, sembra mettere in discussione l’omissione di Hemming riguardo i produttori della DOCG nel suo pezzo 

In riferimento al passaggio quotato dal pezzo di Hemming – In defence of sluts –  Speller scrive:

“Anche se non ci vuole una laurea, la maggior parte dei professionisti del mondo del vino, inclusi molti nel Regno Unito, sembra non riescano a comprendere la differenza tra Prosecco DOC e Conegliano Valdobbiadene DOCG [e Asolo DOCG ndr]…La prima è vasta; la seconda è ristretta, con diversi regolamenti di produzione, produzioni ridotte e qualità più alta. (Per inciso, quest’ultima sta lavorando nella direzione della totale sostenibilità, con la prospettiva di diventare biologica al 100%.) Ma tutto questo, sospetto, non rientra nella narrativa del Prosecco nel Regno Unito, perché niente di tutto questo è stato menzionato nell’articolo di Richard.”

Entrambi i pezzi sono estremamente interessanti e incoraggianti. Siamo dei grandi fans del sito di Jancis Robinson e vi suggeriamo di leggere entrambi gli articoli. In qualità di produttori di Prosecco DOCG biologico, crediamo che entrambi le argomentazioni siano fondamentali per capire il Prosecco oggi

Grazie per l’attenzione

Lascia un commento