VigneVini, Prosecco e disinformazione galoppante

mappa delle doc e docg prosecco

Arrivato oggi VigneVini, mensile del gruppo edagricole al quale sono abbonato da molti anni, e che disdirò a breve dopo aver letto le ultime uscite.

Il titolo a carattere 72 dice: Si allarga il Prosecco, si restringe il listino?

Comincio a leggere e mi trovo di fronte a grafici errati, a frasi scorrette.

Cominciamo con:

Lo scorso anno infatti, a partire dal mese di aprile, è entrata in vigore la nuova Docg creata per il prosecco superiore di Conegliano Valdobbiadene (nella quale rientra, anche se tutelata da un consorzio autonomo, anche la sottozona di Montello e Colli Asolani).

L’Asolo prosecco docg superiore non è una sottozona di nessuno. Ha una sua docg ben precisa con un proprio disciplinare molto più rigido di quello dei distanti parenti del Conegliano Valdobbiadene.

In sostanza quindi sul mercato si possono trovare due distinte tipologie di prodotto. Il prosecco superiore Docg di Conegliano Valdobbiadene (o Montello e Colli Asolani)

Le tipologie sono 3

  • Asolo prosecco docg superiore
  • Conegliano valdobbiadene prosecco docg superiore
  • Prosecco doc

Tabella dice che le rese per ettaro sono 120 qli/ha per la docg e 180 qli/ha per la doc

  • 120 qli/ha per l’asolo docg
  • 135 per il conegliano valdobbiadene
  • 180 per il prosecco doc

La mappa si “dimentica” di segnalare la zona dell’ Asolo prosecco docg superiore

P.s. Articolo scritto da Giorgio dell’Orefice

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. marco spagnol

    Ciao Luca, non ti sembra che sia un modo leggermente troppo agressivo di porsi?

    “L’Asolo prosecco docg superiore non è una sottozona di nessuno. Ha una sua docg ben precisa con un proprio disciplinare molto più rigido di quello dei distanti parenti del conegliano valdobbiadene.”

    Per il resto concordo con te che la mal informazione sia dilagante.

  2. Luca

    Ciao Marco,
    Toccato nel vivo? ecco, adesso ti senti esattamente come me quando leggo certi articoli o quando “voi” aziende dell’altra docg ci trattate come esseri inferiori 🙂 (non tutte ovviamente ma la maggior parte)
    Si, forse sono stato aggressivo ma non ho raccontato bugie, i 2 disciplinari SONO uno più rigido dell’altro, su questo non vi sono dubbi.

    eccoti un altro esempio lampante di disinformazione http://ow.ly/4sC7N
    con affetto
    Luca

  3. marco spagnol

    conoscendo chi gestisce quel sito oprovvederò a segnalare la cosa per farla sostituire con quella del consorzio che mette le due DOCG sullo stesso piano.
    Mi risulta comunque che sia anche usata dal gambero rosso…..

    Comunque al vinitaly siamo vicini e quindi un assaggio ci può scappare…..

    ciao a presto

    1. Luca

      Marco, non serve correggere, è solo questione di atteggiamenti. E di queste cose è pieno il web, fidati.
      Da giovedì ne parleremo davanti ad un bicchiere.

Lascia un commento