Il peggior Vinitaly della mia vita

Mentre facevamo girare i “tornelli” della fiera di Verona la nonna stava dicendo addio a tutti noi.

L’ultima nonna, l’ultimo pilastro, l’ultimo collegamento che avevo col passato.

Sorrisi tirati e lacrime nascoste per 4 fottutissimi giorni

Tags:

Questo post ha 4 commenti

  1. Gianni Lovato on 5 Aprile 2012 at 15:48 Rispondi

    Sai che a questo pensavo molto, durante i giorni di Vinitaly. Deve essere dura, per te e la “piccola”. Ma sicuramente lo è anche di più per la tua Mamma. Sai com’è? Quando succedono, queste cose ci ricordano che noi siamo i prossimi in coda.
    Tien duro, Bocia! E abbraccia la tua Mamma un poco più forte del solito per le prossime settimane.

  2. Gianni Lovato on 5 Aprile 2012 at 15:48 Rispondi

    Sai che a questo pensavo molto, durante i giorni di Vinitaly. Deve essere dura, per te e la “piccola”. Ma sicuramente lo è anche di più per la tua Mamma. Sai com’è? Quando succedono, queste cose ci ricordano che noi siamo i prossimi in coda.
    Tien duro, Bocia! E abbraccia la tua Mamma un poco più forte del solito per le prossime settimane.

  3. Lizzy on 6 Aprile 2012 at 19:03 Rispondi

    Tutta la mia solidarietà, caro Luca. So cosa vuol dire, cosa si prova in questi momenti.
    Forza, ce la farai.
    Come dice una poesia, ogni albero che cade lascia intravvedere un pezzo di cielo. Nuovi orizzonti ti aspettano, adesso tocca a te indicarli ai tuoi.

    L.

  4. Lizzy on 6 Aprile 2012 at 19:03 Rispondi

    Tutta la mia solidarietà, caro Luca. So cosa vuol dire, cosa si prova in questi momenti.
    Forza, ce la farai.
    Come dice una poesia, ogni albero che cade lascia intravvedere un pezzo di cielo. Nuovi orizzonti ti aspettano, adesso tocca a te indicarli ai tuoi.

    L.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.