Destinazione paradiso

Hei Nonno,

Tutto bene lassù?

Sono sicuro che se fossi qui saresti fiero del lavoro che stiamo facendo. Le tue vecchie vigne sono ancora qui e stiamo cercando di trattarle nel miglior modo possibile, come ci hai insegnato tu.
Immagine (83)Le cose sono molto cambiate, le viti allevate a bellussi sono state tolte, erano ingestibili e producevano troppo, al loro posto ci sono vigneti più stretti e bassi. Si, anche questo è cambiato, tu ti facevi fotografare in fianco alla vite che più aveva prodotto ed eri fiero quando si raccoglievano 20 o 30 kg per ceppo. Erano altri tempi, lo so, con poca terra si doveva produrre di tutto, dal mais, al vino passando per gli ortaggi e il fieno, ora badiamo di più alla qualità.

La tua cantinetta dove imbottigliavamo solo “el vin col fondo” è diventata una bella realtà che seguiamo io e papà e al colfondo abbiamo aggiunto altri tipi di vino, il Prosecco metodo Martinotti, lo facciamo in delle autoclavi, te non sei riuscito a vederle purtroppo.

Immagine (86)Stiamo gestendo 10 ettari in collina e poco più di uno in pianura. Ti ricordi quando mentre tu potavi e legavi i tralci con “le strope” io correvo su e giù per i filari col motorino e la mamma ti sgridava? Sappi che i tralci non li lego più con il vimini e non corro nemmeno più tra le vigne col motorino 🙂

Quello che prima era poco meno di un ettaro sono diventati 11, l’appezzamento più grande è a Cornuda, li c’è anche una casa stupenda ma malconcia, il mio sogno sarebbe quello di trasferirmi li e tenere qualche animale nella stalla li accanto, proprio come facevi tu, magari quando sarò vecchio ed avrò un po’ più di tempo. Ancora mi ricordo quando con le mucche tiravi il carro pieno zeppo di fieno appena raccolto.

Immagine (79)Quest’anno ho aggiustato la tua falciatrice e segherò l’erba proprio come facevi tu. Ho molto a cuore il terreno delle mie vigne e voglio passare meno volte possibile col trattore che pesa un sacco, il trattore che avevi tu l’abbiamo venduto tanti anni fa 🙁

Quasi mi dimenticavo di dirti che seguiamo tutto a regime biologico e che sto studiando la biodinamica per capire se può fare al caso nostro. Non tanto per scrivere in etichetta “prosecco biodinamico” ma per cercare di fare del mio meglio per dare ai nostri clienti un vino sano.

Il papà ha saputo portare avanti il tuo lavoro alla grande ed ogni tanto mi faccio raccontare di quando lavoravate assieme per i campi e in cantina, è sempre emozionante per me.

La mamma tra un pò andrà in pensione quindi sarà destinata a fare la nonna a tempo pieno. Le ho già detto che quando saremo per i campi dovrà portarci vin brulè e frittelle calde, come faceva la nonna, tutti i giorni 🙂

La Paola sta ancora studiando e tra pochi mesi darà la tesi. Siamo tutti orgogliosi di lei, anche la nonna lo era.

Io ho una moglie e due bimbi favolosi. (uno enologo ed uno agronomo? speriamo!) Ovviamente li porterò tutti con me se e quando riusciremo a trasferirci a Cornuda 🙂

Dai un bacio alla nonna

Luca

Tags:

Autore: Bele Casel

Questo post non ha commenti

  1. M.Grazia on 22 Novembre 2012 at 14:24 Rispondi

    Bellissimo pezzo! Credo proprio che il nonno e la nonna stiano sorridendo, lassù!
    Un caro saluto
    MG

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.