Vendemmia 2014 col senno di poi

 

best prosecco 2014

Le vendemmie sono finite, rimangono da raccogliere solo pochi quintali di Rabbiosa, un uva che con un’annata come questa fatica a maturare.

Lei rimane sulla pianta attendendo qualche caldo raggio di sole e noi attendiamo che quell’acidità fuori da tutti i canoni scenda un po’.

Penso e ripenso a quest’estate che ci ha impegnato come mai era successo, penso a quante ore abbiamo vissuto in vigna e quanto stress abbiamo accumulato.

Ora, col senno di poi possiamo fare il vero resoconto dell’annata.

L’ho detto più volte, la differenza quest’anno l’ha fatta la cura della vigna, il territorio e un poca di fortuna per evitare le grandinate tardive che quest’anno hanno fatto danni enormi.

Per portare a casa uva matura quest’anno abbiamo dovuto fare un lungo, preciso e duro lavoro di squadra. Tutti alla Bele Casel hanno dato il massimo e io non posso che ringraziarli per essersi spesi fino alla fine.

Potevamo fare di meglio? Certo.

Anche quest’anno qualche piccolo sbaglio è stato fatto ma in quelle condizioni non era facile gestire tutto con lucidità. Credo però che si stia percorrendo la strada giusta e sono convinto che il tempo ci darà ragione.

Lasciatemi quindi fare i dovuti ringraziamenti a:

Luciano e Claudio, i due ragazzi che lavorano con noi che hanno davvero fatto l’impossibile.

Paola, mia sorella che ha corso di qui e di li per tutta la vendemmia a fare campionamenti giornalieri su tutte le nostre vigne.

Papà e alle sue 40 vendemmie sulle spalle, che in vendemmia è riuscito a mantenere la calma senza farsi prendere dal panico.

Mamma e Moglie che ci hanno sopportato per lunghi giorni.

Ai miei 2 figli che in quei giorni mi hanno visto veramente poche ore.

Al gruppo di lavoro 2.0 formato da Armin, Paolo, Patrick, and Giacomo che mi hanno insegnato tanto e mi hanno tranquillizzato quando ho deciso di deporre le armi (vedi trattamenti) mentre gli agricoltori attorno a noi continuavano a trattare con qualsiasi prodotto per cercare di salvare l’uva.

Al trattore che anche quest’anno non ci ha abbandonato pur avendo 11 anni e quasi 6000 ore di lavoro.

Ai colli di Asolo che rimangono nel mio cuore e che anche quest’anno hanno fatto la differenza.

Alla nostra vigna di Monfumo che ha dato dei frutti stupendi.

Luca Ferraro
vignaiolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.