Categoria: vendemmia 2014

Prosecco diaries: Maggio 2014

Maggio 2014 lo ricorderemo per una fioritura molto anticipata.

1 maggio – unico giorno utile per fare i trattamenti, addio Festa dei Lavoratori.

may day italy

9 maggio – ho deciso di sfasciare l’erba senza usare il trattore. Sapete che vi dico? Se avessi la possibilità lo farei su tutti e 12 i nostri ettari. Camminare avanti e indietro tra i filari guardandoti attorno é come fare meditazione zen (clicca qui per il video).

14 maggio – i grappoli stanno cominciando a prepararsi alla fioritura , uno spettacolo della natura.

flowering vineyards grape

22 maggio – partita la fioritura tra le vigne di Caerano. Tra circa 100 giorni comincerà la vendemmia.

flowering vines grapes

22 maggio – prove di pacciamatura usando le erbe da covercrop. Le macchine dei nostri vecchi tornano utili. Curioso di capire che succederà sotto a quell’erba tra qualche settimana. Di sicuro la terra rimarrà più soffice e umida (clicca qui per il video).

25 maggio – degustazione dei nostri vini all’evento di Terraviva.

terraviva degustazione

29 maggio, imbottigliamento del primo lotto di Colfòndo.

bottling wine

Alle 12 in punto si contano quasi 4000 bottiglie e 500 magnum. 2 piccole imbottigliatrici e 5 persone La stanchezza comincia a farsi sentire.

E per finire in bellezza 20 jerobhoam, 2 mathusalem e 2 salmanazar. Rispettivamente 3,6 e 9 litri.

large format prosecco

30 maggio – ritrovamenti durante il secondo passaggio per il palizzamento.

robin egg

31 maggio – altri tipi di ritrovamenti in vigna (clicca qui per il video).

—Luca Ferraro
vignaiolo

Prosecco diaries: aprile 2014

Aprile è sempre un mese molto duro per noi vignaioli, lavori che si accumulano inesorabilmente, seguire la vigna in questo periodo richiede una buona dose di sangue freddo,determinazione, voglia di lavorare e una famiglia capace di sopportare la tua mancanza in casa.

Continua il preoccupante anticipo vegetativo rispetto al 2013 e al 2012.

 

glera 1

2 aprile – comincia il risveglio della vite anche a Monfumo.

3 aprile – cominciamo a farci i muscoli cambiando i pali di legno logorati dal tempo.

 

vinitaly col fondo

6 aprile – comincia Vinitaly, un’edizione entusiasmante, la migliore di sempre.

mowing grass vineyard

11 aprile – primo sfalcio dell’erba. fa riflettere il fatto che col trattore si trincia un ettaro di vigna in poco più due ore e a mano ne servono almeno 15.

hail vineyard prosecco 2014

26 aprile – leggera grandinata sulle colline di caerano, il mattino successivo (domenica sigh) all’alba siamo entrati in vigna per cicatrizzare le ferite procurati dai chicchi ghiacciati

Luca Ferraro
vignaiolo

Un freddo aprile

prosecco freeze best

Dopo un “inverno non inverno” siamo passati ad una primavera con temperature fuori controllo. Il 16 e il 17 hanno fatto scendere le minime al di sotto dello 0 termico.

Molti dei fondo valle hanno subito danni da gelata, dovuta al drenaggio notturno dell’aria fredda lungo il pendio.

prosecco freeze 1

Fortunatamente nel nostro caso abbiamo subito danni solo nelle viti piantate l’anno scorso sulle le foglie più vicine al suolo.

Bruciature che non hanno fortunatamente provocato grossi danni.

Staremo a vedere nei prossimi giorni cosa accadrà, noi per il momento siamo fiduciosi.

prosecco freeze 3

—Luca Ferraro
vignaiolo

Prosecco diaries: marzo 2014

vine bud spring italy

7 marzo – gemme cotonose.

bud growth spring italy vine

10 marzo – crescita della gemma in 3 giorni.

faggot vine grape

11 marzo – abbiamo trovato dei tralci di perera che innesteremo in alcuni vecchie viti della vigna di Monfumo.

bud break 2014 italy

12 marzo – le gemme cominciano a cambiare di colore.

beautiful italian vineyards

13 marzo – anche i fiori sono importanti nelle vigne.

vineyard weather station

14 marzo – avere una stazione meteo in vigna vuol dire fare un investimento per salvaguardare ambiente e portafoglio. Noi l’abbiamo posizionata lì da 3 anni e siamo pienamente soddisfatti del lavoro che svolge, controllando i dati dal telefonino possiamo capire quando e se trattare.

video vineyard prosecco

21 marzo – cominciamo le lavorazioni sottofila (clicca qui per il video).

complete bud leaf vine italy

22 marzo – foglioline distese e grappolo bene in vista.

removing dead vines

28 marzo – togliamo le viti morte con l’escavatore.

Luca Ferraro
vignaiolo

Come nasce un Prosecco. Dicembre

Dicembre mese che per tradizione da inizio alle potature.

 

 10 Dicembre. Trovata in vigna una pelle di serpente

 

 

 

 

 

 12 Dicembre.Le erbe da sovescio continuano a crescere

 

 

 

 

 

 

 17 Dicembre. Una delle date che ricorderò a lungo. Dopo aver visitato questa vigna in vendita decidiamo di fare la pazzia (visto il momento storico) di accendere un secondo mutuo per comprarla. Un ettaro assolutamente NON trattorabile che ci impegnerà non poco nei prossimi anni.

 

 

 

 

 19 Dicembre. Le temperature al di sotto dello 0 non ci fermano. Continuiamo a potare come se non ci fosse un domani

 

 

 

 

 

 

 20 Dicembre. Il domani arriva sempre e spesso sa sbalordire

 

 

 

 

 

 

 22 Dicembre. Anche i bimbi devono vedere il lavoro che li aspetta tra qualche anno

 

 

 

 

 

 

1517104_368726829938803_1310275203_n23 Dicembre. Nemmeno la nebbia ci ferma

 

 

 

 

 

 

916980_376197315848062_818915492_n 27 Dicembre. Si scattano foto in qualsiasi posizione 🙂

 

 

 

 

 

 

Come nasce un Prosecco. Ottobre e Novembre

0798dfb83a5311e3b4c422000aeb2179_8 21 Ottobre, le erbe seminate qualche settimana  fa cominciano a spuntare

1172987_405015069625138_450644300_a 23 Ottobre grande camminata per le vigne a segnare con un nastro bianco e rosso le piante malate. Queste verranno potate separatamente

IMG_6577

5 Novembre. La rocca di Asolo da il meglio di se

1389415_254352998049109_87180321_a 16 Novembre. Serbatoy1 

1170077_237062999790449_1991404890_n 22 Novembre, tempo di rispolverare gli scarponi invernali, tra qualche giorno cominceranno le potature

IMG_6671

25 Novembre ecco il risultato dopo aver spaccato letteralmente in 2 la vite per cercare di risanarla dal mal dell’esca. QUI il video di quello che avevamo fatto l’anno scorso