Che cos’è veramente il Colfondo?

prosecco colfondo sur lie

Su questo blog se n’è parlato molto, vi ho detto come bere il colfondo , vi ho spiegato cos’era #colfondo1 , Daniela vi ha spiegato come fare il pane col lievito preso direttamente dalla bottiglia, come seccarlo e come riattivarlo, Stefano ha pure fatto una descrizione epica del colfóndo. Vi ho fatto vedere un video della sboccatura ma non vi ho mai spiegato cos’è il colfóndo “for dummies”.

La storia

Il prosecco colfóndo è il vino tradizionale delle nostre colline. Quando i miei genitori erano bambini il prosecco (ora glera) si vendemmiava a fine ottobre: c’è chi mi ha raccontato di averlo addirittura vendemmiato sotto la neve.

Una volta portato in cantina la fermentazione, a causa delle basse temperature, si bloccava e il vino rimaneva dolce.

Tutti i contadini nei primi mesi dell’anno imbottigliavano e, come per magia, con i primi caldi primaverili la fermentazione ripartiva creando così questo fantastico rifermentato in bottiglia.

Il processo fermentativo è lo stesso dei più famosi champagne solo che nel nostro caso non avviene la sboccatura, il lievito rimane dentro alla bottiglia fino a che non deciderete che è giunta l’ora di berla.

Potrei tenervi inchiodati allo schermo raccontandovi di persone che hanno bevuto colfóndo di 30 anni rimanendo stupefatti di fronte a quel bicchiere: di sicuro non vi racconterei una bugia.

Potrei dirvi che se andrete a trovare qualche contadino che vive in queste colline e che possiede un piccolo appezzamento di vigneto di sicuro non vi offrirà un prosecco metodo charmat ma di sicuro un colfóndo. Probabilmente lo scarafferà, difficilmente ve lo farà bere torbido.

Se però venite a trovare me sarete costretti a berlo torbido perché io lo amo così. Credo che il fondo sia l’anima di questo vino e in quanto tale non debba essere separata dopo tutto quel tempo passato assieme a lui.